creatività-testi-tecnici

Come sai il mio percorso professionale non è lineare, insomma la comunicazione non è stato il mio primo amore. Per 16 anni mi sono occupata di sicurezza sul lavoro e tutela ambientale in ambito aziendale, una professione che ho molto amato e che ha ancora oggi un grande impatto su ciò che faccio e come lo faccio.

Uno dei più grandi insegnamenti che ho tratto da quei 16 anni e che

[bctt tweet=”Nessuna azienda è così tecnica da non avere storie da raccontare.” username=”sara_salvarani”]

La creatività che risiede dietro ogni oggetto o servizio è immensa e, di conseguenza, ogni prodotto o servizio può essere raccontato in reste con uno stile narrativo unico.

Pensa a una banale vite, hai mai provato ad osservarla bene? L’elica perfetta, i diversi tipi di punta, di testa, il passo di avvitatura…ognuna di queste piccolissime caratteristiche la rende adatta a un uso specifico (come ben sapete se hai mai provato a montare un mobile Ikea con i suoi seimila diversi tipi di viti incluse).

Basta guardare le cose da un diverso punto di vista per trovare la bellezza da raccontare.

I testi tecnici e la lista delle specifiche

Quando si stende un testo tecnico si pensa spesso che l’elenco delle caratteristiche la debba fare da padrone.

Bene, è ora di rivedere questo mito per fare in modo che anche la presentazione di un prodotto altamente specialistico, e considerato poco poetico, riesca a coinvolgere il lettore risuonando a pieno con le sue esigenze e le risposte ai suoi bisogni.

Come sappiamo, la lista delle specifiche è un elenco di particolarità del prodotto come ad esempio, peso, altezza, materiali di costruzione, dimensioni, capacità, ecc…

Prendiamo un oggetto che tutti abbiamo in casa: la lavastoviglie. Ecco un esempio di lista delle specifiche:

  • 8 programmi: Auto 35-45 °C, Auto 45-65 °C,
  • Auto 65-75 °C, Super 60 °C, Eco 50 °C, Programma Notte 50 °C, Rapido 45 °C, Prelavaggio, Shine & Dry, IntensiveZone, Mezzo carico flessibile
  • Comandi a scomparsa
  • Display a colori TFT-LCD Multifunzione
  • Partenza ritardata (1-24h)
  • Dimensioni del prodotto (HxLxP): 84.5 x 60 x 60 cm
  • 14 coperti
  • Classe di Efficienza Energetica: A+++
  • Consumo energetico annuale nel programma Eco 50, basato su 280 cicli di lavaggio con acqua fredda ed in modalità basso consumo: 237 kWh/Anno
  • Consumo energetico nel programma Eco 50: 0.83 kWh
  • Assorbimento in modalità Spento / Lasciato acceso: 0.5 W / 0.5 W
  • Consumo di acqua annuale nel programma Eco 50, basato su 280 cicli di lavaggio: 2660 Litri/Anno.
  • Consumo di acqua nel programma Eco 50: 9.5 l
  • Classe di Efficacia di Asciugatura: A
  • Durata del programma Eco 50: 195 min
  • Durata della modalità Lasciato acceso: 0 min
  • Livello sonoro: 40 db (re 1 pW)

Visto così la tua reazione qual è? Prendere un foglio Excel, inserire tutte le specifiche, fare lo stesso per altre marche e poi confrontare. Una scelta puramente mentale, che probabilmente si baserà sul prezzo e su alcune caratteristiche fondamentali come consumo di elettricità, numero di coperti e rumorosità.

Ora pensa di descrivere questa lavatrice in modo narrativo:

“Progettando la XYZ abbiamo voluto mettere al centro ciò che più ci sta a cuore: la solidità, perché i tuoi soldi devono essere spesi in ciò che dura, il risparmio energetico e di acqua, perché in questo il tuo risparmio equivale a un ambiente più sano per tutti, la versatilità dei programmi e degli accessori, perché la bellezza di una vita ricca di persone da amare significa anche desiderare più tempo per stare insieme e questo ha bisogno di tanti piccoli aiuti quotidiani.

Proprio per questo abbiamo creato una lavastoviglie che consuma solo 237 kWh/Anno (programma Eco 50), che può ospitare fino a 14 coperti e che prevede ben otto programmi diversi per coprire tutte le tue esigenze.”

Questo è solo un piccolo assaggio di come un arido elenco può diventare un racconto di valori. E lo stesso vale per la nostra vite, o per l’impianto industriale, o per le mie amate valvole di compensazione.

Stile trasversale

Un errore che molte aziende fanno è quello di cambiare stile in modo radicale quando scrivono la pagina “Chi Siamo” e quando parlano dei prodotti.

Tanto quanto è coinvolgente la prima, tanto è fredda e arida la descrizione dei prodotti.

Eppure l’anima delle persone, e delle aziende, non cambia fra due tipologie diverse di testo, non cambiano i valori, gli obiettivi, le parole chiave (intese come termini di gergo aziendale) e il messaggio da veicolare.

Fa in modo che ovunque nella tua comunicazione si percepisca uno stile ben preciso.

Grafica mon amour

A volte è indispensabile inserire il famigerato punto elenco con le specifiche di prodotto. In questo caso ti può venire in grande aiuto la grafica con tre possibilità:

  • Il box a lato del testo in cui inserire l’elenco tecnico
  • Una infografica accattivante che dia le specifiche in modo creativo
  • Una scheda tecnica separata e scaricabile in pdf.

Tutte e tre le opzioni sono scelte valide, da approfondire in rapporto al proprio stile di comunicazione e ovviamente parlando con il tuo webmaster per comprendere cosa puoi fare e cosa no.

Puoi anche mixare le cose: sul sito puoi inserire un testo narrativo con a lato il box delle caratteristiche al cui interno ci sarà la scheda da scaricare, sui social puoi utilizzare le infografiche (attenzione a forma e dimensioni).

Spezzare la noia e raccontare la tecnica

Sappiamo bene che un testo eccessivamente tecnico è noioso, e per rimediare è importante imparare ad utilizzare gli elementi di storytelling e scrittura creativa per rendere colorato e appassionante quello che scriviamo.

[bctt tweet=”La tecnica si può raccontare” username=”sara_salvarani”]

e questo fa la differenza fra chi si fa conoscere in modo completo e chi si pone solo come fornitore di servizi da prezzo.

Chiediti solo una cosa: compro più volentieri da chi mi fornisce, oltre a informazioni tecniche, anche informazioni diffuse sui perché dietro ai prodotti e servizi? La risposta è sì, anche per chi non si era mai posto il problema.

La scelta diventa inevitabile, devi solo trovare la tua voce in Rete.