Questo mese è dedicato alla gratitudine, a come esprimerla nella tua comunicazione, e ai risultati che ti porterà da un punto di vista sia umano che professionale.

Inziamo dal solito “A chi parli?”

Come abbiamo detto più di una volta, la comunicazione deve muoversi verso obiettivi precisi. Per fare questo devi capire a chi stai parlando.

A chi è rivolto il testo che stai scrivendo?

Spesso si pensa che gli unici destinatari dei nostri post, delle pagine del nostro sito, siano i clienti. Se questo è vero nella maggior parte dei casi, devi sempre ricordare che il tuo business ha anche altri attori: i partner, i fornitori, i collaboratori.

Uno degli obiettivi del tuo piano di comunicazione deve quindi essere l’identificazione di tutti i soggetti chiave a cui rivolgerti.

Le Buyer Persona

Cosa sono le Buyer Persona? Vediamo la definizione del Buyer Persona Institute:

Built from the real words of real buyers, a buyer persona tells you what prospective customers are thinking and doing as they weigh their options to address a problem that your company resolves.

Sono quindi figure-tipo, costruite sulla base di quanto detto da reali clienti, che ti serviranno a capire i processi di pensiero e azione dei tuoi potenziali clienti, nel momento in cui valutano se affidarsi o meno a te.

Quindi effettivamente il cliente e il dialogo con lui devono rimanere al centro della tua comunicazione, ma tuo compito è capire che tutto il tuo processo lavoro è utile a questo scopo, compresa la fase di backend che coinvolge anche altre figure.

I collaboratori

Che tu abbia collaboratori occasionali o dipendenti non importa: dà loro volto e voce. Parla di loro, a loro e tramite loro.

Ricorda che i tuoi dipendenti o chi lavora con te sono le prime persone da cui devi farti seguire, e per farlo al meglio devi prima di tutto capire quali sono le persone a cui dare risalto, le chiavi di lettura del loro lavoro e come fidelizzarli.

Sì, anche i collaboratori vanno fidelizzati! Ad esempio facendoli conoscere ai clienti tramite una rubrica dedicata sul tuo blog corporate, testimoniando così la tua stima per loro. Un buon esempio? Il lavoro che sta facendo in merito Autozatti.

I fornitori e i partner

Parlare ai fornitori significa mettere in evidenza il tuo rapporto con loro, renderlo pubblico così da trasformarlo in una referenza reciproca.

Cosa interessa ai tuoi fornitori e ai tuoi partner commerciali o istituzionali? Quale parte della loro attività puoi mettere in risalto (senza uscire troppo dalle tue tematiche)?

Costruisci un dialogo approfondito anche con queste figure per portare il livello della tua comunicazione a un nuovo stadio: creare un network che funziona.