Qual è l'errore più grande che puoi fare con la tua newsletter

Newsletter mon amour…o no? Tu come ti rapporti a questo strumento di marketing?

Oggi per SweetSocial Tips ho deciso di parlarti di questo strumento, di un enorme errore che devi evitare e di piccoli trucchi per far funzionare le cose.

Li ho divisi in quattro macroaree, ma decisamente l’ultima è la mia preferita!

Goditi il video e, come sempre, sotto troverai anche la versione testuale come promemoria (l’effetto sogno è dato dalla pessima luce che c’è a volte nella mia mansarda).

Quindi il più grande errore che puoi fare nella gestione della tua newsletter è…non avere una newsletter!

Sì, la newsletter è uno strumento potente ed efficace per rapportarti con i tuoi clienti e con chi ti segue, un tool modulabile secondo le tue esigenze di comunicazione e di marketing.

Ma come fare per gestire alla grande la tua newsletter? Cosa non devi dimenticare? Ecco qui i 4 punti che considero fondamentali:

  1. Ricorda che è un contatto privilegiato con i tuoi clienti: la mail che ti hanno concesso è un tramite prezioso, quindi usala con saggezza, non caricare indirizzi scovati su internet o acquistati da banche dati.
  2. Gestiscila come un club esclusivo: fa capire agli iscritti che sono speciali, dona loro le tue competenze, dei freebie e anche qualche buono sconto.
  3. Usala per condividere valore: attraverso la newsletter puoi condividere coi tuoi clienti i tuoi valori, creando consonanza con i tuoi lettori, il valore delle tue competenze e valore gratuito donando, appunto, freebie o altri regali utili.
  4. Distinguila dai lanci di prodotto e in generale dall’hard selling: quando crei un nuovo prodotto o un nuovo servizio, dedicagli una mail separata invece che inserirlo nella tua newsletter periodica, così eviterai disiscrizioni e tassi di apertura sempre più bassi.
  5. Divertiti e fa emergere la tua personalità: se tu non ti diverti non si diverte nemmeno chi ti legge! Parla di te se il tuo esempio è funzionale al messaggio che vuoi dare, al fornire un contenuto importante per soddisfare i bisogni dei tuoi clienti, magari con un esempio calzante. Negli altri casi, fa sì che la tua personalità emerga dal tuo modo di scrivere e questo può succedere solo se ti diverti nel farlo. Insomma, come si dice…enjoy it!

Quali strumenti usare per la newsletter? Io attualmente uso MailerLite: belle email, di semplice utilizzo, tassi di deliverabiity buoni, economico, ogni tanto va in crisi tecnicamente ma le soluzioni sono rapide. Per me che uso WooCommerce è poco integrabile a livello di vendite (per capirci: quando una cliente acquista un prodotto non posso farla confluire automaticamente in una lista specifica).

Altri che ho testato sono:

  • Mailchimp: macchinoso, ma comunque dotato di un un buon sistema di integrazione con WordPress, Woocommerce e altri sistemi, e ha un bel drag&drop per comporre le mail. Nella fascia free si arriva fino a 2000 indirizzi ma con un limite di invii e per me le complicazioni e le poche possibilità di personalizzazione non valgono lo sforzo.
  • MailUp: complicato e poco intuitivo, non ha un piano free ed è, in generale, carissimo (per la stessa cifra di ConvertKit dà la possibilità di avere una sola lista). Pro: è in italiano e ha il drag&drop per la costruzione delle mail.
  • Convertkit: niente piano free, ma decisamente più economico di MailUp e con tassi di deliverability fantastici rispetto a tutti gli altri sistemi. Come ci riesce? Semplice, rendendo il codice di costruzione delle mail molto semplice e pulito eliminando il sistema drag&drop per costruire la newsletter. Risultato? Mail esteticamente non meravigliose, ma decisamente efficaci. Sto seriamente valutando di prendere il coraggio a due mani e trasferire (di nuovo) il tutto. Mi do’ tempo fino a fine 2018 per decidere.

Bene, spero di averti aiutato a fare luce sul tema della newsletter, ma ora raccontami: tu usi questo strumento? Come? Con quali tool?

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.