Come-decidere-cosa-studiare-sul-marketing

Quando ti occupi di qualcosa professionalmente sembra quasi uno scandalo che tu studi da altri per imparare a fare meglio il tuo lavoro. Soprattutto se quel lavoro vuoi farlo al servizio di altri o insegnando a tua volta.

Bene, questa per me è una sonora cazzata. Scusata, ho cercato un modo più elegante per dirlo ma non c’è.

Io non so fare tutto. i tuttologi sono un bluff, una truffa.

Ci sono cose che so fare molto bene, ci sono cose che so fare semplicemente bene, ci sono cose che faccio ma mi fanno schifo, ci sono cose che faccio appena al limite della sopravvivenza, ci sono cose mi piace fare e ci sono cose che davvero non so da che parte si inizino!

Poi ci sono cose che so far fare agli altri in modo eccellente, ma per cui mi serve un sonoro calcio nel sedere se devo farle per il mio business. È stato il caso della newsletter che languiva da mesi. Carina, curata, ma senza il sale che hanno quelle dei miei clienti. Quindi mi sono detta “Ok, Sara, qui non è questione di essere capaci, ma di darsi una mossa. Non ci riesci da sola? Fallo fare a qualcun altro!”. Ho quindi approfittato del corso Newsletter da Paura di Giada Carta e mi sono messa in riga. Ora le cose filano come devono e sono finalmente passata da ConvertKit a MailerLite come servizio, risparmiando soldi e ottenendo newsletter più belle.

Ebbene sì, ogni tanto dobbiamo arrenderci e metterci in testa che non possiamo fare a vita “le calzolaie con le scarpe rotte”. Chiedere aiuto non è una vergogna, anzi!

E in tutti gli altri casi, come scegliere una buona formazione in campo marketing? Ecco come faccio io.

Per prima cosa: il marketing è necessario

Sì, promuovere la tua attività è indispensabile.

Puoi essere la migliore professionista del tuo settore, ma se non lo sa nessuno fallirai rapidamente. Fattene una ragione.

Quindi devi fare marketing. Se puoi permettertelo, affida la tua comunicazione a una professionista, ma se non puoi allora devi studiare per fare da sola.

Le basi della tua preparazione

Ci sono alcuni argomenti di marketing e digital marketing che devi fare tuoi:

  • WordPress: come sai considero WordPress self hosted l’unica soluzione seria per il sito di un’imprenditrice. Fallo realizzare da una professionista, ma poi renditi autonoma per le cose minori. Quindi cosa devi sapere? Ovviamente come inserire un post, formattarlo correttamente, sistemare i parametri SEO e inserire immagini o video. Ma non ti puoi limitare a questo: devi sapere come gestire le pagine e i menù, come inserire e attivare i plugin e come gestire il sito in rapporto alla newsletter. Quindi la prima cosa che devi fare è imparare a gestire WordPress. Molti webmaster fanno formazione ai propri clienti, ma se non è il tuo caso, cerca un corso online o in presenza che ti consenta di imparare
  • Newsletter: la newsletter è fondamentale per acquisire contatti di persone davvero interessate ai tuoi prodotti e con cui instaurare un rapporto più profondo e concreto di quello che hai con tutti gli altri utenti. Ti ho già detto cosa ho fatto io per darmi una mossa 😉
  • Piano editoriale: devi capire assolutamente come gestire il tuo piano editoriale, ovvero come comunicare online la tua attività. Da dove partire? Come scegliere i canali? Di cosa parlare? Tutto questo non si improvvisa perché il “secondo me” di un’imprenditrice può ammazzare il suo business. Fidati, l’ho visto succedere.

Come scegliere i corsi di approfondimento

Una volta sistemate le basi, è il momento di decidere su cosa concentrarti.

Come scegliere? Ovviamente partendo dai tuoi obiettivi!

Una buona pianificazione è fondamentale per gestire qualunque attività quindi inizia a chiederti quali sono i prodotti/servizi che vuoi vendere nell’anno e segna le date dei lanci (se ti è più comodo lavora su base quadrimestrale, ma mai meno!).

Ora è il momento di ragionare: cosa ti serve per far funzionare al meglio quei lanci? Hai abbastanza iscritti alla newsletter? E i fan su Facebook e Instagram a che punto sono? Che livella di engagement hai (= quanti commenti, like e condivisioni)?

Insomma devi analizzare il tuo piano di business da cima a fondo per capire dove è meglio concentrarti. Se, per esempio, sai che per avere buone visite sul tuo sito (e quindi più persone che vanno a vedere i tuoi prodotti) devi fare Facebook Advertising, allora dovrai approfondire questo argomento.

Ovviamente gran parte della tua scelta dipende dal tuo punto di partenza: se un certo tema rappresenta una priorità per il tuo business e tu sei scarsa…beh ti toccherà studiarlo a fondo anche se ti fa schifo!

Diversamente se sei a un livello sufficiente puoi metterlo in to do list ma non sarà un’urgenza impellente.

Se invece sei scarsa su una certa attività (mettiamo…la gestione di WordPress), ma questa non è prioritaria (perché, per esempio, hai un webmaster che ti fa le piccole cose a un prezzo sostenibile), non sarà necessario approfondirla più di tanto (anche se io ti consiglio sempre di sapere dove mettere le mani).

E quello su cui sei bravissima? Si può sempre approfondire per passare al livello di figaggine assoluta, ma se non vuoi farlo diventare il centro del tuo lavoro, ti suggerisco di dare precedenza ad altro.

Per aiutarti a raccogliere tutti i dati ho creato un griglia dove inserire le varie attività (4 al massimo per ogni periodo di 4, 6 o 12 mesi) su cui ragionare. Compila il form per scaricarla e…buono studio!

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.