Ecco come puoi rendere interessante il tuo piano editoriale

Una delle cose che mi viene chiesta più spesso è come fare per creare un piano editoriale interessante.

Partiamo da un presupposto: tu sei una persona interessante, quello che hai da dire è interessante e anche quello che fai ogni giorno è interessante.

Lo so: a te non sembra così e ti chiedi perché alla gente dovrebbe fregare qualcosa di quando vai a scegliere le cerniere per la prossima borsa che confezionerai o di come hai deciso di pianificare le tue attività di consulente questa settimana.

Beh, ti svelo un segreto: interessa a tutti i tuoi potenziali clienti perché vedere il dietro le quinte di un prodotto o di un servizio o della vita di qualcuno che seguiamo piace a tutti (sì, è vero, è anche perché siamo tutti dei piccoli impiccioni!).

Ovviamente il segreto è di prendere il tuo quotidiano e non sciorinarlo come la lista della spesa, ma facendo emergere la tua anima profonda, quello che tecnicamente è chiamato brand character ovvero il carattere del tuo business, insomma il modo profondo in cui fai le cose nel tuo lavoro, la missione che ti prefiggi nel mondo.

Per capire qual è il tuo brand character puoi usare i 12 archetipi junghiani che vediamo riassunti in questo schema:

 

Entriamo un po’ di più nel dettaglio e vediamoli uno a uno:

  • Il Mago: ha doni e virtù misteriose, usa la sua grande immaginazione per trasformare le idee in realtà. EÈ un inventore, è carismatico, un leader, uno sciamano, un medico, un guaritore. Capisce le leggi dell’universo e rende l’impossibile possibile portando a cambiamenti meravigliosi.
  • Il Creatore: artisti, scrittori, sognatori, innovatori, musicisti. Vogliono creare valore che duri nel tempo. La loro guida è la visione o l’immaginazione. Espressione di sè e passione sono fondamentali.
  • L’Esploratore: è indipendente, anticonformista, avventuroso, individualista, coraggioso. Va a scoprire il mondo e il suo incubo peggiore è essere ingabbiato dal sistema, conformarsi, non vivere secondo i suoi valori.
  • L’Innocente: ottimisti, puri, utopisti, tradizionalisti, mistici, romantici, sognatori, naïf. Cercano il meglio nelle persone e nelle situazioni, il bello e la felicità, invitando gli altri a fare lo stesso. Puri e genuini.
  • Il Giullare: vuole divertirsi, è originale e irriverente. Si gode la vita e le relazioni con gli altri perché questo gli dà piacere. Odia la noia e non vuole essere noioso.
  • Il Caregiver: incarna la sicurezza, la casa, la continuità, la tradizione. È altruista, ama gli altri come se stesso, prova compassione, generosità e desiderio di aiutare il prossimo.
  • L’Uomo Qualunque: è una persona ordinaria nel senso più sereno del termine. Ama i piaceri semplici della vita, crede che tutti gli uomini siano creati uguali e che abbiano valore per quello che sono. Per lui le cose belle della vita sono un diritto di tutti.
  • Il Fuorilegge: è il ribelle, l’anticonformista per eccellenza, sempre contro lo status quo e l’ordine costituito. Può anche avere un lato oscuro più o meno marcato. È guidato da motivazioni individualiste, dalla rivincita o dalla rivoluzione.
  • L’amante: è il partner, l’amico intimo. Affascinante, entusiasta. romantico, sensuale, cavalleresco, luminoso, appassionato e impegnato. Porta alla luce il lato romantico della vita, fatto di gioia, benessere ed estasi
  • La Guida: il grande leader, il capo, colui o colei che detta le regole che gli altri seguiranno. Non ama il cambiamento se non lo controlla. Odia il caos. Positivo, vitale, sicuro di sè. Cercano il successo e il potere.
  • Il Saggio: le sue parole chiave sono ascetismo, saggezza, destino, verità. Vuole capire la realtà grazie al potere della mente. È esperto, studioso. consigliere, pensatore, filosofo, ricercatore, pianificatore, mentore, insegnante. Ha fiducia nella capacità degli uomini di costruire un mondo migliore.
  • L’Eroe: è il guerriero, il supereroe, il crociato, quello che sconfigge il drago, il vincente. Ha coraggio e forza, crede che volere sia potere. Valori: potere, onore, vittoria.

Quali sono gli archetipi dominanti in te come persona e come professionista? Scegline due e inizia a caratterizzare i tuoi testi con le sfumature proprie di queste figure. Se poi vuoi approfondire il tema puoi fare questo test o leggere questo libro.

Tutto questo va a inserirsi nell’ampio campo dello storytelling, colonna portante di un piano editoriale interessante ed efficace.
Quando avrai collocato nel tuo calendario di pubblicazione tutti i contenuti fissi, puoi iniziare a utilizzare gli spazi vuoti per creare una narrazione di te che faccia leva sulla tua personalità, su quelli che sono i tuoi obiettivi e la tua natura personale e professionale, su come aiuti i tuoi clienti con ciò che fai ogni giorno e su come porti avanti il tuo lavoro secondo i tuoi valori.
Questo dovrebbe trasparire anche dai contenuti promozionali, ma è in quelli liberi, puramente dedicati allo storytelling che riesci a far leva sull’interesse di chi ha i tuoi stessi valori e diventerà un cliente affezionato.

Un piano editoriale interessante e ben strutturato deve parlare per prima cosa di te, perché quello che fa scegliere di comprare un prodotto invece di un’altro è spesso chi ci sta dietro.

Per realizzarlo clicca il bottone qui sotto e segui il link!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.