blogging: arte, tecnica e strumenti

Blogging: arte, tecnica e strumenti

 

Scrivere è una passione. Mettere le parole in fila su uno spazio bianco, sentirne il suono dentro la testa, pesarne segni e sensi è un piacere per la mente regalato da chi scrive a se stesso e ai suoi lettori. Il blogging rientra in questo campo di passione. Scrivere per il web, soprattutto tenere un blog, è impensabile se non si ama scrivere, se non si nutre per le parole una vera passione.

L’arte del blogging

No, non siete Sepulveda solo perché state scrivendo un post. Però scrivere è sempre un esercizio di stile che ha a che fare con l’arte perché si basa su due fattori fondamentali: l’idea e la storia.

L’idea è il nucleo centrale del nostro post, quella da cui partiamo e che sviluppiamo con approfondimenti e collegamenti. Vi ricordate i diagrammi a sole che si facevano a scuola per preparare i temi? Al centro l’idea principale e poi attorno tutti i possibili collegamenti.

Dove trovare idee? Ne abbiamo già parlato in questo post sulla creatività ma ricordatevi la regola di Polyanna: scrivete di ciò che conoscete e amate e se non potete farlo, allora dovete conoscere al meglio e imparare ad amare quello di cui dovete parlare.

Invece la storia è la traduzione dell’idea in un testo complesso. Dovremo quindi creare una scaletta del testo con tanto di sottotitoli per i paragrafi, e poi stendere il testo applicando le tecniche narrative (anticipazioni, flash back, punti, trasformare il contenuto tecnico in racconto) per rendere quella scaletta una narrazione, Molto importante: non state scrivendo un articolo di giornale ma un post di un blog quindi rigore grammaticale e leggerezza di linguaggio sono fondamentali.

La tecnica del blogging

Ci sono alcune regole tecniche per bloggare in modo efficace. Vediamole insieme:

  • Principio di prominenza: ciò che è in alto a sinistra o all’inizio di un elemento attira di più l’attenzione
  • Il primo paragrafo è l’abstract del post
  • Staccare il testo in paragrafi
  • Non scrivere in maiuscolo!

Le parole scritte in maiuscolo sono prima di tutto dei lunghi e monotoni rettangoli

(Luisa Carrada)

  • Usare il grassetto sulle parole importanti
  • Usare il corsivo per i titoli delle opere o per parole straniere di uso non comune
  • Citare sempre l’autore dei quote
  • Usare gli elenchi
  • Usare le immagini
  • Parlare in modo semplice
  • Rileggere per correggere i refusi
  • Controllare grammatica e sintassi
  • Parlare al lettore
  • Legge della vicinanza: tenere insieme soggetto, verbo e complemento oggetto

Altri due consigli utili sono di variare il linguaggio senza utilizzare parole usurate come “territorio”, “tempi tecnici”, “monitorare”, “qualità della vita”, ecc… e di linkare in modo corretto riferendosi sempre alla pagina corretta in cui trovare il contenuto (non alla home).

Gli strumenti del blogging

Quali sono gli strumenti che un blogger deve usare nel suo lavoro?

Ovviamente primo fra tutti un CMS, possibilmente con hosting e dominio di proprietà.

Che scegliate WordPress, Drupal o Joomla a seconda delle esigenze, studiatelo bene, leggete i vari forum e blog dedicati a questi content management system e iscrivetevi ai gruppi Facebook e alle community Google+ che ne parlano. Non vi link risorse specifiche perché sono talmente tante che basta una ricerca veloce per trovare tutto quello che vi serve.

Poi abbiamo le immagini. E qui c’è una regola ferrea: le immagini devono essere vostre oppure dovete reperirle su banche dati free come Pixabay o Gratisography. Se poi (saggiamente) volete investire su questo aspetto acquistatele da banche dati come Fotolia, Depositphoto, ecc…

Non si utilizzano immagini recuperate da Google o Pinterest e se guardate su Flickr verificate sempre il tipo di licenza Creative Commons.

Creare contenuti originali è un lavoro vero e proprio e dobbiamo farlo con professionalità e gli strumenti giusti.

E tu cosa ne pensi?

2 thoughts on “Blogging: arte, tecnica e strumenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *